Skip to Content Skip to Search Go to Top Navigation Go to Side Menu


A PIEDI NUDI TRA LE MANGROVIE- IN VIAGGIO DURANTE IL COVID-Capitolo 17


Tuesday, November 24, 2020

cap-23.jpg

Questa è la storia di cinque persone che saranno costrette a viaggiare, o non potranno farlo, nel periodo del Covid 19. Tutte le storie qui raccontate sono tendenzialmente vere, ma probabilemente false, o viceversa; a voi la scelta.

Un capitolo al giorno (escluso il sabato e la domenica).

SVOLGIMENTO. IL VIAGGIO, MIO MALGRADO

Capitolo 17

Verso la California - La notte dell’addio.

Mohamed aveva atteso le luci delle tenebre per spostarsi da quella scomoda posizione.
Nonostante il coprifuoco e le membra anchilosate per essere rimasto accartocciato, aveva masticato chilometri per rientrare a casa, stringendo il sacco da cinque chili di riso, mentre il suo cervello metteva a fuoco il desiderio di lasciare Freetown.
Fu accolto a casa come un miracolato che portava in dote del cibo: tutti pensavano che fosse morto.
Sua sorella andò a raccogliere un po’ d’acqua da uno dei canali di scolo e sua madre diede fuoco alla legna per far bollire il riso. Prima di versarlo nella pentola, Mohamed ne mise da parte quasi un chilo, senza che i familiari si accorgessero dell’ammanco.

Non appena l’aroma del cereale bollito si librò nell’aria, i vicini si riversarono sulla pentola, incuranti del coprifuoco, portando qualche avanzo e sperando di riceverne una cucchiaiata, o un po’ di acqua brodosa.
Mohamed aveva lo stomaco chiuso ma sapeva che la fame sarebbe tornata. La madre divise le porzioni, offrendone qualche chicco ai vicini e lasciandone da parte due cucchiai per lui: l’eroe della giornata.
Mohamed andò a letto, chiuse gli occhi, ma non riuscì a prendere sonno; aveva paura, voleva scappare, non voleva morire. Tra un pensiero e l’altro immaginò di rifarsi una vita negli Stati Uniti.
Quando le tenebre erano ancora folte si alzò; i quattro fratelli e le tre sorelle dormivano, nascose il suo tesoro sotto la maglietta, e uscì di soppiatto dalla casa.

Si allontanò di qualche metro e si accorse che i corpi dei vicini, uccisi due giorni prima, non erano stati rimossi. La puzza dei cadaveri che imputridivano stava ammorbando la strada, qualcuno avrebbe dovuto seppellirli o bruciarli.
Sarebbe mai tornato da quelle parti?
Sentì il rumore di un’auto che si aggirava nelle vicinanze. Si fermò per capire se si muovesse nella sua direzione.
Il coprifuoco era terminato?
Una brusca frenata, delle urla e delle raffiche di mitra.

Riconobbe le grida di terrore.

La delazione nel cuore della notte aveva spinto ribelli, militari o semplici banditi a requisire il riso rimasto alla sua famiglia.
Non aveva bisogno di tornare indietro per sapere che sua madre, le sue sorelle e i suoi fratelli sarebbero stati torturati.
Mohamed aveva guardato la morte dei suoi vicini attraverso gli interstizi della recinzione; non era riuscito a distogliere gli occhi e aveva ascoltato la madre implorare i propri figli di violentarla così, almeno loro, sarebbero rimasti in vita.
Mohamed accelerò il passo, cercando di cancellare quelle scene dalla propria mente.
Era colpa sua, aveva rubato il riso e aveva condannato a morte la propria famiglia.
Corse a più non posso dalla collina verso il mare, sentiva le lacrime annebbiarli la vista; poi vide un lembo di sole affacciarsi all’orizzonte, un bagliore. Aveva molta strada da fare, prima di considerarsi al sicuro.

DOVE ERAVAMO RIMASTI?

Riassunto delle puntate precedenti

  • Loriano e Abigail lavorano in Sierra Leone e, a causa del morbo, cercano di rientrare in Europa
  • Mohamed è un cittadino della Sierra Leone emigrato negli Usa che sogna di rimanere da quelle parti.
  • Alex lavora al consolato di Canton e vuole riabbracciare sua moglie che, a causa del morbo, è bloccata in Giappone.
  • A Londra Arianna, la sorella di Loriano, deve recarsi nel nuovo ufficio per recuperare il computer aziendale.
  • La mamma di Loriano è a casa, in Italia e interpreta la verità, sul mondo, grazie al suo telefono.
Loriano & Abigail Mohamed Alex Arianna Mamma

13 Responses to “A PIEDI NUDI TRA LE MANGROVIE- IN VIAGGIO DURANTE IL COVID-Capitolo 17”


  1. A PIEDI NUDI TRA LE MANGROVIE- IN VIAGGIO DURANTE IL COVID-Capitolo 29 | Impresentabile - Il blog di Lucio Cascavilla Says:

    […] Cap 17 […]

  2. A PIEDI NUDI TRA LE MANGROVIE- IN VIAGGIO DURANTE IL COVID- Capitolo 20 | Impresentabile - Il blog di Lucio Cascavilla Says:

    […] Cap 17 […]

  3. A PIEDI NUDI TRA LE MANGROVIE- IN VIAGGIO DURANTE IL COVID-Capitolo 21 | Impresentabile - Il blog di Lucio Cascavilla Says:

    […] Cap 17 […]

  4. A PIEDI NUDI TRA LE MANGROVIE- IN VIAGGIO DURANTE IL COVID-Capitolo 22 | Impresentabile - Il blog di Lucio Cascavilla Says:

    […] Cap 17 […]

  5. A PIEDI NUDI TRA LE MANGROVIE- IN VIAGGIO DURANTE IL COVID-Capitolo 26 | Impresentabile - Il blog di Lucio Cascavilla Says:

    […] Cap 17 […]

  6. A PIEDI NUDI TRA LE MANGROVIE- IN VIAGGIO DURANTE IL COVID-Capitolo 27 | Impresentabile - Il blog di Lucio Cascavilla Says:

    […] Cap 17 […]

  7. A PIEDI NUDI TRA LE MANGROVIE- IN VIAGGIO DURANTE IL COVID-Capitolo 36 | Impresentabile - Il blog di Lucio Cascavilla Says:

    […] Cap 17 […]

  8. A PIEDI NUDI TRA LE MANGROVIE- IN VIAGGIO DURANTE IL COVID-Capitolo 39 | Impresentabile - Il blog di Lucio Cascavilla Says:

    […] Cap 17 […]

  9. A PIEDI NUDI TRA LE MANGROVIE- IN VIAGGIO DURANTE IL COVID-Capitolo 42 | Impresentabile - Il blog di Lucio Cascavilla Says:

    […] Cap 17 […]

  10. A PIEDI NUDI TRA LE MANGROVIE- IN VIAGGIO DURANTE IL COVID-Capitolo 43 | Impresentabile - Il blog di Lucio Cascavilla Says:

    […] Cap 17 […]

  11. A PIEDI NUDI TRA LE MANGROVIE- IN VIAGGIO DURANTE IL COVID-Capitolo 44 | Impresentabile - Il blog di Lucio Cascavilla Says:

    […] Cap 17 […]

  12. A PIEDI NUDI TRA LE MANGROVIE- IN VIAGGIO DURANTE IL COVID-Capitolo 46 | Impresentabile - Il blog di Lucio Cascavilla Says:

    […] Cap 17 […]

  13. A PIEDI NUDI TRA LE MANGROVIE- IN VIAGGIO DURANTE IL COVID-Capitolo 50 | Impresentabile - Il blog di Lucio Cascavilla Says:

    […] Cap 17 […]

Leave a Reply


In order to submit a comment, you need to mention your name and your email address (which won't be published). And ... don't forget your comment!

Comment Form