Skip to Content Skip to Search Go to Top Navigation Go to Side Menu


A PIEDI NUDI TRA LE MANGROVIE- IN VIAGGIO DURANTE IL COVID-Capitolo 65


Monday, April 12, 2021

cap-65.jpg

Questa è la storia di cinque persone che saranno costrette a viaggiare, o non potranno farlo, nel periodo del Covid 19. Tutte le storie qui raccontate sono tendenzialmente vere, ma probabilemente false, o viceversa; a voi la scelta.

Un capitolo al giorno (escluso il venerdì, il  sabato e la domenica).

SVOLGIMENTO. IL VIAGGIO, MIO MALGRADO

Capitolo 65

In California- Il rispetto del tempo

Chula Vista era un posto di merda.
Mohamed era arrivato in città, di sera, come un immigrato di colore, bisognoso di aiuto, e l’aveva abbandonata, tre mesi dopo, come un ladro negro.

Grazie al Vecchio aveva ripreso a lavorare in un allevamento di polli, dal quale era scappato in meno di una settimana; la puzza di merda gli aveva fatto rivoltare le budella, ma era il prezzo da pagare per aver lasciato sua moglie e i suoi due figli in Sierra Leone.
Era andato a smazzare la fatica nei campi di pomodoro e di mandorlo, per meno di un mese, perché non aveva il permesso di soggiorno.
Poi per sbaglio, sporco e lurido, spostò un furgone e il proprietario del mezzo gli offrì un posto da autista.
Anche il nuovo lavoro durò pochissimo.
Pamela era la moglie del capo e la loro storia era cominciata quando avevano incrociato lo sguardo.
La donna non aveva avuto dubbi: il suo matrimonio andava a rotoli da parecchi mesi e aveva intravisto negli occhi di Mohamed la possibilità di essere felice.
Il marito non aveva digerito la scelta di lei: essere scalzato dall’ultimo degli straccioni, appena giunto sul suolo americano, era un’offesa che avrebbe voluto lavare col sangue.
Non appena si era sparsa la voce, i due amanti avevano affittato un’auto e si erano eclissati mentre le tenebre ne avvolgevano i fanali.
Pamela aveva paura che il suo ex-marito tenesse fede alle minacce; durante la fuga il cuore le rimbalzava sul fondo della gola. In ogni auto che incrociavano presentiva un pericolo: temeva che gli sgherri pagati dal suo ex-coniuge potessero aggredirli, riempire di botte il suo innamorato e denunciarlo agli agenti dell’immigrazione.
Si tranquillizzarono solo all’imbocco dell’autostrada per Los Angeles.
Il mattino dopo, mentre facevano colazione a Bunker Hill scoprirono che le carte di credito di Pam erano state bloccate. Sorridendo le buttarono via e proseguirono verso nord.

DOVE ERAVAMO RIMASTI?

Riassunto delle puntate precedenti

  • Loriano e Abigail lavorano in Sierra Leone e, a causa del morbo, cercano di rientrare in Europa
  • Mohamed è un cittadino della Sierra Leone emigrato negli Usa che sogna di rimanere da quelle parti.
  • Alex lavora al consolato di Canton e vuole riabbracciare sua moglie che, a causa del morbo, è bloccata in Giappone.
  • A Londra Arianna, la sorella di Loriano, deve recarsi nel nuovo ufficio per recuperare il computer aziendale.
  • La mamma di Loriano è a casa, in Italia e interpreta la verità, sul mondo, grazie al suo telefono.

Loriano & Abigail   Mohamed   Alex  Arianna   Mamma
  • Cap 64

Leave a Reply


In order to submit a comment, you need to mention your name and your email address (which won't be published). And ... don't forget your comment!

Comment Form