Skip to Content Skip to Search Go to Top Navigation Go to Side Menu


A PIEDI NUDI TRA LE MANGROVIE- IN VIAGGIO DURANTE IL COVID-Capitolo 87


Tuesday, May 25, 2021

cap-87.jpg

Questa è la storia di cinque persone che saranno costrette a viaggiare, o non potranno farlo, nel periodo del Covid 19. Tutte le storie qui raccontate sono tendenzialmente vere, ma probabilemente false, o viceversa; a voi la scelta.

Un capitolo al giorno (escluso il venerdì, il  sabato e la domenica).

CONCLUSIONE. APPRODO ALLA DERIVA

CAPITOLO 87

Lo spiraglio

Uno spiraglio: corridoi per il turismo. La Germania sta riaprendo le frontiere. Mi ci vogliono solo quindici minuti per fare la valigia; appena c’è la luce verde partiamo.
Alzo gli occhi verso il cielo azzurro, c’è un aereo che solca l’orizzonte, una rarità, di questi tempi, osservo la scia che lascia dietro di sé. Non appena il contagio sarà finito, i complottisti avranno pane per i loro denti.
Poi ripenso a quella bambina che ho incontrato in spiaggia a Freetown quando io, sovrappeso straniero, ricco di capitali, passeggiavo sulla spiaggia.

Lei aveva undici o dodici anni e aveva la pelle lucida, candida e asciutta. Le lacrime le rigavano il viso. Aveva in mano un secchio con poche arance già sbucciate, color verde militare, poco invitanti.
Quando avevo voglia di esercitare il pronatore rotondo, per rinforzarlo, le acquistavo e le spremevo per creare gustose bevande.
Mi stavo recando al bar e non avevo bisogno di frutta; lei indossava un vestito corto, quadrettato verde e bianco e, dopo avermi visto, mi era venuta incontro. La sua voce stridula, deformata dal pianto, mi chiedeva aiuto.
L’avevo incontrata due giorni prima; stesso vestito, stessa espressione, stesse treccine, stesse lacrime e stesse parole: le avevano rubato i soldi che aveva guadagnato con la vendita. Se fosse tornata a casa senza il denaro, la madre l’avrebbe presa a male parole e poi a botte.
Mi ero avvicinato e, sussurrando le parole, le avevo chiesto quale fosse l’ammontare del danno.
Ne coprii circa un quarto: non era economicamente inaffrontabile per me, ma non potevo permettermi di lasciare la mancia a tutti.
Quel giorno, mentre il sole si adagiava sul mare, in attesa di sparire, oltre l’orizzonte, la sua voce mi comunicava lo stesso concetto.
- Di nuovo ti hanno rubato tutto? Le avevo chiesto. - Le lacrime si erano interrotte, lei era spaesata. - Guarda che me lo hai già detto. - Le avevo ripetuto.
Lei imbarazzata scappò via. Tutti i bianchi dovevano sembrarle uguali, a una prima occhiata. Non avevo avuto il tempo di dirle che doveva modificare la sua richiesta e inventare nuove scuse per intenerire quelli come me che gironzolavano sulla spiaggia.
Riprendo a osservare fuori dalla finestra.
Potrei chiamare la polizia o gli uffici del ministero degli interni, ma, come ha detto uno degli interpellati era inutile continuare a chiamare: se ci sarà qualche novità la conoscerò grazie ai giornali.
Quindi perché continuo a contattarlo un giorno sì e l’altro pure, con la stessa domanda, come quella bambina?

DOVE ERAVAMO RIMASTI?

Riassunto delle puntate precedenti

  • Loriano e Abigail lavorano in Sierra Leone e, a causa del morbo, cercano di rientrare in Europa
  • Mohamed è un cittadino della Sierra Leone emigrato negli Usa che sogna di rimanere da quelle parti.
  • Alex lavora al consolato di Canton e vuole riabbracciare sua moglie che, a causa del morbo, è bloccata in Giappone.
  • A Londra Arianna, la sorella di Loriano, deve recarsi nel nuovo ufficio per recuperare il computer aziendale.
  • La mamma di Loriano è a casa, in Italia e interpreta la verità, sul mondo, grazie al suo telefono.

Loriano & Abigail   Mohamed   Alex  Arianna   Mamma

One Response to “A PIEDI NUDI TRA LE MANGROVIE- IN VIAGGIO DURANTE IL COVID-Capitolo 87”


  1. A PIEDI NUDI TRA LE MANGROVIE- IN VIAGGIO DURANTE IL COVID-Capitolo 87 | Impresentabile - Il blog di Lucio Cascavilla Says:

    How To Buy Proxies

    A PIEDI NUDI TRA LE MANGROVIE- IN VIAGGIO DURANTE IL COVID-Capitolo 87

Leave a Reply


In order to submit a comment, you need to mention your name and your email address (which won't be published). And ... don't forget your comment!

Comment Form