Skip to Content Skip to Search Go to Top Navigation Go to Side Menu


"Eventi" Category


A PIEDI NUDI TRA LE MANGROVIE- IN VIAGGIO DURANTE IL COVID-Ringraziamenti


Thursday, May 27, 2021

kdz.jpg

GRAZIE A TUTTI!

A piedi nudi tra le mangrovie è finito.
Ho cominciato a pubblicarlo il 19 ottobre, e ho concluso ieri, 26 maggio 2021.
It was a long way to rock’n'roll.
Con due lunghe pause nel mezzo. Natale, documentario e catzy vari.

88 capitoli, 88 fotografie. Alcuni capitoli sono stati ripresi da Neutopia (grazie Davide e Marta), Cafeboheme (grazie Mauro), Sguardi Indiretti (grazie Francesco), Stato Quotidiano (grazie Giuseppe) ed è stato linkato da Carie (grazie Alessandra).
Mi ha permesso di entrare in contatto con Morsi editore (Grazie Giulia) e con Spazi Inclusi (grazie Maurizio) e mi ha permesso di collaborare con l’Attacco (Grazie Matteo), con Left (Grazie Stefano) e forse ne sto dimenticando qualcuno.

Rendendomi conto di quanta gente mi abbia seguito, su questa impervia via,  credo che non sia vero l’antico adagio che dell’Africa e della Sierra Leone, non freghi nulla a nessuno.
Per tanto ringrazio i miei 24 lettori (Luca, Simona, Daniela, Simona… etc- ne sto dimenticando una ventina) pare che tal Manzoni ne avesse 25… e vi do appuntamento al prossimo, che non sarà a puntate e per il quale non stalkerò nessuno.

This id the end, my friend! 

O anche

That’s all folks!

A PIEDI NUDI TRA LE MANGROVIE- IN VIAGGIO DURANTE IL COVID- Capitolo 13


Wednesday, November 18, 2020

cap-13.jpg


Questa è la storia di cinque persone che saranno costrette a viaggiare, o non potranno farlo, nel periodo del Covid 19. Tutte le storie qui raccontate sono tendenzialmente vere, ma probabilemente false, o viceversa; a voi la scelta.

Un capitolo al giorno (tranne il sabato e la domenica).

SVOLGIMENTO. IL VIAGGIO, MIO MALGRADO

Capitolo 13

Verso la California - Il fragore dei proiettili

Mohamed era uscito dalla macchina e si era stiracchiato.
Il guardiano notturno si era avvicinato; i soldi ricevuti non bastavano a placare la sua sete, aveva annusato qualcosa.
- Posso usare il bagno? Aveva chiesto Mohamed assonnato.
Il guardiano dell’albergo si era distratto e lui, uscito di corsa dal cesso di servizio, era saltato in auto ed era filato mentre le luci dell’alba non avevano ancora fatto capolino.
Aveva sentito il fragore di un’arma che sparava. Le pallottole lo avevano sfiorato; era un déjà-vu.

Mohamed aveva dodici anni quando la guerra era arrivata a Freetown.
Il suo amico Massai, di due anni più grande, aveva guidato l’affamato Mohamed in un cortile. L’esterno dell’edificio non era deturpato da mortai e mitragliatori.
Che anno era?
Il 1999?

(more…)

Le immagini e il video della presentazione da “UP Italian Upcycled Furniture” di Civitanova Marche


Thursday, April 6, 2017